Linee guida per Disordini Temporo-Mandibolari (DTM)

vai anche a vedere i corsi di ortodonzia

Terapie non chirurgiche accettate per la cura delle disfunzioni temporomandibolari (sindrome algico-disfunzionale dell’articolazione temporomandibolare, disordini cranio-mandibolari)

1. apparecchi intraorali, rimovibili (splint o placca)
2. terapia farmacologica (atiinfiammatori, miorilassanti ed analgesici)
3. terapia fisica
4. iniezioni antiinfiammatorie

Terapie chirurgiche accettate per i disordini temporo-mandibolari solo quando sono presenti i seguenti criteri (1 e 2).

1. una patologia intra-articolare, in soggetti a crescita ormai ultimata, documentata da esami strumentali (CT, Risonanza Magnetica o radiografie) che documentano una patologia articolare (come anomalie del disco, artrite, fratture, cisti ossee o tumori)

2. dolore temporo-mandibolare e/o limitazione funzionale significativa, refrattarie ad almeno sei mesi di terapia non chirurgica che abbia incluso almeno uno dei seguenti: apparecchi intraorali rimovibili (placca o splint), terapia fisica, terapia comportamentale, terapia farmacologica, iniezioni terapeutiche

Le terapie chirurgiche possono comprendere:

  • artrocentesi
  • riduzione di fratture o dislocazione
  • artroplastica, condilectomia, rimozione del disco, pessia del disco
  • artroscopia
  • plastica dell’articolazione temporomandibolare

Terapie mediche ritenute non necessarie per la cura dei disturbi dell'ATM

  • Ionoforesi
  • Biofeddback
  • Apparecchi ortodontici fissi
  • Corone o ponti
  • Equilibratura occlusale, terapie occlusali irreversibili
  • Apparecchi per aumentare il range di movimento articolare o per irrobustire i muscoli della masticazione
  • Protesi dentali (impianti o dentarie)
  • Stimolazione elettrogalvanica

Terapie chirurgiche ritenute non necessarie per la cura dei disturbi dell'ATM

  • Estrazione del dente del giudizio

Procedure diagnostiche ritenute non necessarie per la diagnosi delle disfunzioni temporo-mandibolari

1. elettromiografia
2. ultrasuoni Doppler
3. test somatosensoriali
4. radiografie dentali standard
5. termografia
6. kinesiografia
7. radiografie transcraniali o laterolaterali del cranio
8. tracciati condilari e arco gotico (per documentare una deviazione della posizione dei condili)
9. registrazione dell’attività muscolare in relazione alla posizione o movimenti della mandibola

Referenze

1. American Association of Oral Maxillofacial Surgeons: clinica practice guidelines for oral and maxillofacial surgery ( http://www.medterms.com/script/main/hp.asp. )
2. American Society of Temporomandibular Joint Surgeons. Guidelines for Diagnosis and Management of Disorders involving the TM joint and related musculoskeletal structures available at:  http://www.astmjs.org/guidelines.html.  Accessed October 19, 2005.
3. Management of Temporomandibular Disorders. NIH Technology Statement Online 1996 Apr 29-May 1. Available at: http://consensus.nih.gov/ta/018/018_statement.htm.  Accessed October 19, 2005.

Non perdere tempo!

Scrivi al Dr. Francesco Pedetta per prendere un appuntamento.

Prendi un appuntamento