vai a Terapia delle Disfunzioni Temporomandibolari

Egregio Prof. Francesco Pedetta 
Mi permetto di disturbarla per chiederle cortesemente  alcune informazioni per me molto importanti.
Ho 34 anni e abito a Genova. Da più di tre anni soffro di DCM/DTM, con vari sintomi.
Premetto che ho una malocclusione di terza classe e il palato stretto. Finora ho consultato, senza avere una soluzione definitiva:3 diversi odontoiatri, 2 oculisti, 1 neurologo, 2 otorinolaringoiatra, 1 osteopata, 1 logopedista. Mi sono stati fatti 4 bite diversi, che ho, tutti, rotto stringendoi denti durante la notte; alcuni hanno cmq eliminato le cefalee.
Ho eseguito diverse panoramiche, una TAC (al cervello), un telecranio. Il primo odontoiatra ha cercato di allargarmi il palato mediante REP senza successo.Non posso essere sottoposto a risonanza magnetica xchè ho delle placche metalliche inserite nel torace. Ho un forte affaticamento visivo(uso occhiali per miopia), dolori lievi nella zona dei condili e dell'aricolazione temporo mandibolare, rumori di scrosciamento e senso di orecchie ovattate; ho il muscolo sterno cleido mastoideo laterale dx del collo completamente contratto. Chi mi segue vorrebbe sottopormi a intervento correzione setto nasale, leggermente deviato, per poi sottopormi a intervento maxillo-facciale. Ho letto con particolare interesse il suo sito, soprattutto per la fisioterapia per il DTM e vorrei sapere se nella mia zona conosce un terapista esperto di tali esercizi. Vorrei eseguire una stratigrafia dell'ATM e affrontare la questione psichiatrica (che non ho mai affrontato); le pare una scelta corretta? Consapevole che non può effettuare una diagnosi on-line, e che gli elementi forniti di per sè non sono sufficienti, la ringrazio per l'attenzione e conto, nel periodo prossimo, di prendere un appuntamento nel suo studio a Pisa. Cordiali saluti

Gentile Sig …,
penso che nel suo caso sia necessaria una visita mirata per riordinare tutte le informazioni possibili e per impostare un protocollo terapeutico. Mi ha colpito il fatto che lei non ha una diagnosi specifica….Solo partendo da una Diagnosi si può impostare una terapia e se necessario correggerla successivamente. Purtroppo in questa maniera, cercando di allargare il palato o facendo altre cose del tutto aspecifiche, non si arriva a molto. Direi che le transcraniali non servono e che la Risonanza Magnetica potrebbe solo confermare una diagnosi che può essere comunque fatta clinicamente. Dobbiamo vedere che bite le è stato fatto ma dobbiamo considerare che è solo uno dei presidi terapeutici e che va integrato con una serie di altre cose. Lei, chiedendo il nome di un fisioterapista a Genova ha colpito nel segno: è difficile avere persone che si occupino in maniera soddisfacente dei DTM. Noi stiamo rifinendo un paio di fisioterapisti\chiropratici qui in zona, con molta fatica e facendoli venire ai corsi che teniamo sulle disfunzioni temporomandibolari. Uno di loro, Erik Bergstrom, proprio la scorsa settimana è entrato a far parte della Nazionale di calcio, a coronamneto di una carriera. Dunque non ho nomi da poterle fare. Le consiglio di venire a trovarci; il viaggio non è certamente impossibile. Questa settimana abbiamo visitato tra gli altri, una collega ematologa del S. Raffaele di Milano che non aveva trovato aiuto nella sua città. Penso che il viaggio che ha intrapreso sia stato ampiamente ripagato. Consideri che se decide di venire a trovarci, dovrà dire a Francesca (050-9711094) di fissare un appuntamento consono per una visita gnatologica completa più il tempo necessario per il piano di trattamento (foto, questionario etc), che normalmente facciamo in due visite separate ma nel suo caso, venendo da lontano, potrebbe fare nello stesso giorno. La saluto cordialmente.

Dr. Pedetta 

dott-pedetta