vai a Terapia delle Disfunzioni Temporomandibolari

Salve, sono 10 mesi che soffro di sublussazione mandibolare sul lato sinistro. Tutto e' iniziato dopo aver fatto delle otturazioni sui molari della parte sinistra. Il dentista a aperto 3 volte i denti mettendomi del cemento sul nervo perche'avevo sempre male anche dopo l'ottuazione. Quando ha fatto l'ultima anestesia ho sentito come una scossa e alla sera quando e' andata via l'effetto dell'anestesia mi si e' bloccata la bocca. Sono disperata, il lato sinistro fa un leggero clik in apertura, ho pressione sulla tempia, guancia, dolori dietro la testa , orecchio chiuso, e quando deglutisco batte dentro l'orecchio. La neurologa mi aveva consigliato di devitalizzare il molare pensando che fosse quello la causa, ho fatto anche quello senza ottenere un buon risultato, cosi adesso mi ritrovo anche dolori sotto i denti della parte sinistra soprattutto quello devitalizzato. Lei cosa mi consiglia di fare, ripeto sono 10 mesi che giro a vuoto tra dentisti, medici e sono veramente disperata perche' non trovo una giusta cura. Aspetto con fiducia una sua risposta.

Gent.le Antonietta,

i sintomi da lei descritti a volte  possono insorgere dopo dei trattamenti odontoiatrici. Nella maggior parte dei casi un trattamento specifico multidisciplinare può portare ad una remissione dei sintomi. E' molto importante fare una diagnosi corretta per poter scegliere il trattamento appropriato per evitare terapie e procedure inutili. Visto che lei ha gia fatto numerose cure odontoiatriche senza benefici sarebbe indicata una visita per valutare se qualcuno dei trattamenti da lei subiti è veramente la causa dei suoi dolori.Infatti c'è il rischio di sottoporsi ad ulteriori cure odontoiatriche del tutto inutili e che possono a loro volta creare dei problemi in più. In aggiunta le consiglierei di intraprendere una cura specifica per i Disturbi Temporomandibolari che a volte è sufficiente da sola a risolvere il quadro sintomatologico. Se invece i suoi problemi fossero di origine neuropatica,  è bene intraprendere una terapia farmacologica mirata.

Una visita potrebbe aiutarci a darle dei consigli più specifici.

Distinti saluti, Dr. Francesco Pedetta

Studio Dott. Francesco Pedetta Tel. 050/9711094

Torna a Lettere al Dr. Pedetta

dott-pedetta