La respirazione orale

respirazione orale, bambino, osas, apnea ostruttivaLa respirazione avviene naturalmente attraverso le vie respiaratorie superiori; il naso ha la funzione di filtro e l’aria inspirata viene riscaldata, umidificata e depurata dalle particelle sospese (attraverso i peli detti vibrisse) nel suo viaggio attraverso i turbinati. Così scaldata, umidificata  e ripulita, l’aria è pronta per il suo ingresso nell’albero respiratorio fino ai polmoni.
 

Quando è presente un’ ostruzione della via respiratoria superiore, l’aria passa attraverso la bocca; è un meccanismo riflesso ed è indipendente dalla nostra volontà; infatti, durante il sonno, l’aria entrerà dalla bocca anziché dal naso.
 

Questo tipo di respirazione, detta orale, comporta una serie di inconvenienti:

  • l’aria arriva nell’orofaringe non riscaldata, non umidificata e non ripulita; per questo saranno molto frequenti i raffreddamenti e le infiammazioni oro-faringee; le tonsille si ingrosseranno e faranno da ulteriore ostruzione al flusso dell'aria.
  • la lingua avrà una postura molto bassa per far passare meglio l’aria; per questo il palato non avrà più la spinta naturale della lingua sulla sua volta, che gli permetteva di svilupparsi correttamente; infatti la lingua, all’interno della bocca si dovrebbe appoggiare alla volta palatina e contribuire con la sua spinta alla sua crescita. Inoltre il mascellare superiore è la base del pavimento nasale e non sviluppandosi correttamente porta ad un ulteriore ostruzione delle vie respiratorie superiori.

Soprattutto questo secondo meccanismo è il responsabile delle malocclusioni che si vanno formando durante la crescita e lo sviluppo e consistono per lo più in morsi aperti e nelle seconde classi prime divisioni.
 

Le malocclusioni, man mano che passano gli anni, si strutturano sempre di più e le ossa del distretto facciale risentono oltremodo di questa alterata funzione respiratoria.
 

Per questi motivi è molto importante intercettare una respirazione orale e cercare di risolvere il problema di ostruzione respiratoria durante gli anni di crescita del bambino.

russamento ed apnea nei bambini

 

I bambini piccoli con OSAS (Sindrome delle Apnee Notturne) tendono  ad essere magri  e smilzi e possono avere dei "ritardi nella crescita".

La scarsa crescita avviene per due ragioni: lo sforzo richiesto semplicemente per respirare è così elevato che le calorie vengono bruciate ad un alto tasso per unità di tempo, anche nei momenti di riposo, ed inoltre l'apporto calorico è spesso ridotto, perché il naso e la gola sono così ostruiti da catarro o da edema sottomucoso che l'atto stesso del mangiare è privo del piacere del gusto  e la deglutizione dei cibi è fisicamente spiacevole.

Le apnee ostruttive nel sonno dei bambini, a differenza di quelle degli adulti sono quasi sempre provocate da tonsille e adenoidi  infiammate o ipertrofiche che generano ostruzione meccanica e vengono spesso trattate chirurgicamente con la tonsillectomia  e la adenoidectomia.

La persona maggiormente coinvolta in questo iter diagnostico e terapeutico, oltre al dentista, è l’Otorinolaringoiatra. Con un esame molto approfondito si dovrà stabilire a che livello è l’ostruzione e cosa si può fare per rimuoverla.
 

Solo con una respirazione normale, attraverso le vie aeree superiori, si realizza infatti la crescita armonica del distretto maxillo-facciale, con particolare riguardo al mascellare superiore ed alla mandibola.

Tonsillectomia e adenoidectomia

È la rimozione chirurgica delle tonsille e delle adenoidi; in precedenza questo intervento era raccomandato come pratica clinica comune. Oggi, tuttavia, si tende a curare le tonsille e soltanto nei casi più gravi ad asportarle chirurgicamente, particolarmente quando queste ostruiscono le vie respiratorie impedendo una respirazione normale.
 

Poiché la tonsillite interessa soprattutto i bambini, la tonsillectomia è molto frequente in questa fascia d'età, mentre è molto rara tra gli adulti.
 

L'intervento viene eseguito attraverso la bocca del paziente: il chirurgo separa e poi asporta le tonsille dai due lati della bocca. Le complicanze sono molto rare; può verificarsi un'emorragia immediata o qualche giorno dopo l'intervento, ma questi episodi vengono comunque controllati dal chirurgo. Solitamente la degenza in ospedale varia dagli 8 ai 10 giorni o viene prolungata finché il paziente non si sia completamente ripreso.
 

Ci sono però anche molti pazienti che vengono operati in regime di day hospital, per cui tornano a casa il giorno stesso dell'operazione oppure restano in ospedale soltanto una notte.

  1. Bernkopf E. - Broia V.- Bertarini A.M.: `´ Ortodonzia e patologia respiratoria ostruttiva´´ Medico e Bambino1/1997.
  2. Carson JL, Collier AM, Hu SS: `´ Acquired ciliary defects in nasal epithelium of children with acute viral upper respiratory infections´´.N. Engl J.Med 1985;312:463-468.
  3. Cassano P.: `´ Sindrome apnoica osruttiva del sonno nel bambino. Diagnosi e trattamento´´.Acta otorhynol. Ital. IX, pp.271-280, 1980.
  4. Fischer EW, Lund VJ, Rutman A: `´ The human nasal mucosa after deprivation of airflow: a study of laryngectomia patients´´. Rhinology 1992; 30:5-10
  5. Gianni E.: `´ Funzionalità respiratoria e correlazioni ortognatodontiche´´Rel. Congresso SIDO Dicembre 1987 Milano. .
  6. Sfondrini G., Gandini P., Piacentino G. Galioto S., Colombo L.:´´ Modificazioni della ventilazione nasale dopo disgiunzione palatale rapida´´ Mondo ortodontico n. 4pag. 39-48 1986..
  7. Viva E., Stefini S., Viva E.: `´ Crescita Oro-rino-maxillo-facciale e adenotonsillectomia ( per motivi meccanici).Edizioni Milella - Lecce 1993
  8. Wayoff M, Jankowski R., Haas F:´´ Physiologie de la muqueuse respiratioire nasale et troubles fonctionnels´´. Paris, Ed. Techiniques, Encycl Med Chir oto-Rhino-Laryngologie, 2290 A10, 1991; 14.
  9. Warren Don Ald W., Spalding peter M., `´ Morfologia dentofacciale erespirazione: un secolo di controversie, cap. 3relazione congresso S.I.D.O. Sorrento, 1991.
  10. Zardo F, Vittori T., Scarcella F.:´´ Il problema delle tonsilliti recidivanti, Acta O.R.L. Ital.7, 195-203, 1987.

Non perdere tempo!

Scrivi al Dr. Francesco Pedetta per prendere un appuntamento.

Prendi un appuntamento